Tag: Tecarterapia

Settembre 28, 2017

La Tecarterapia, nota anche come Tecar, è un trattamento elettromedicale, che permette un più veloce recupero da traumi e patologie infiammatorie dell’apparato muscolo-scheletrico. Diffusa soprattutto in ambito fisioterapico, la Tecar prevede l’utilizzo di un dispositivo molto particolare, basato sul principio fisico del condensatore e capace di generare calore all’interno dell’area anatomica bisognosa di cure.

La Tecarterapia può lavorare in due modalità: la modalità capacità, adatta alla cura dei problemi ai tessuti molli, e la modalità resistiva, indicata per il trattamento dei disturbi ossei, articolari, cartilaginei.

Gli effetti biologici della Tecar sono, principalmente, tre: aumento del microcircolovasodilatazione e incremento della temperatura interna. Il tutto si traduce in un accorciamento tangibile dei tempi di guarigione.

Le indicazioni alla Tecarterapia sono numerose; fra le patologie o le condizioni nelle quali si sono ottenuti buoni risultati, ricordiamo le seguenti: arto fantasma doloroso; artropatie da patologie autoimmuni; capsulite adesiva (la cosiddetta spalla congelata); cervicalgia e cervicobrachialgia; cisti di Baker; condropatia rotulea; coxartrosi e coxalgie; deficit articolari; epicondilite; fascite plantare; gonartrosi; lesioni traumatiche di tipo acuto; lombo sciatalgia; meta tarsalgia; postumi di fratture; pubalgia; rizoartrosi; sindrome del tunnel carpale; sindrome della cuffia dei rotatori; sperone calcaneare; tendinite dell’achilleo; tendinite rotulea.

Gli effetti della Tecarterapia sono un aumento dell’attività metabolica con aumento della produzione di ATP (e quindi una velocizzazione della riparazione), un aumento della circolazione ematica e del drenaggio linfatico a causa della vasodilatazione da calore (e quindi una migliore ossigenazione dei tessuti e il riassorbimento degli edemi).

La Tecarterapia non ha particolari controindicazioni (fatte salve quelle relative a tutte le apparecchiature elettromedicali come per esempio la presenza di pacemaker o in gravidanza nonché le arteriopatie scompensate e parestesia nella zona da sottoporre a trattamento) né effetti collaterali e ciò consente di applicarla in tempi molto ravvicinati al trauma, ripetendola eventualmente più volte al giorno, inoltre può essere associata senza problemi ad altre terapie, come la terapia manuale.

Posted in Trattamenti | Tags: ,